Alcuni casino online sono discriminati in italia

Ormai dall’affermare che qualsiasi operatore di casino online stabilito nel territorio dell’Unione possa svolgere liberamente la sua attività in Italia il passo è breve”. A dirlo è il Sindacato Totoricevitori Sportivi in una propria nota pubblicata sul sito, commentando le recenti pronunce giudiziarie favorevoli ottenute dai titolari di ctd privi di autorizzazione statale. “Basta invocare il diritto comunitario ponendolo di fronte alle limitazioni imposte dal nostro sistema concessorio per ottenere una pronuncia a proprio favore”, ha affermato ancora Sts-Fit. “Ma così non va bene perché ci sono degli operatori che, per lavorare legittimamente, hanno partecipato a una gara pubblica, hanno ottenuto una concessione e saldano regolarmente i loro conti con il fisco. Non va bene perché ci sono dei ricevitori, autorizzati dai suddetti concessionari, che a loro volta raccolgono le scommesse nel pieno della legalità e pagano le tasse sui relativi redditi. Non va bene, insomma, perché si mettono sullo stesso piano, senza distinzioni, operatori e ricevitori autorizzati e non